Commenta la puntata con il nostro Social

Il Natale degli italiani tra Imu e tasse, questo il tema che Paolo Del Debbio affronterà stasera durante il nuovo appuntamento con “Quinta Colonna”, il programma di approfondimento in onda su Retequattro. Tanti gli ospiti e tante le piazze in collegamento.
E tu hai qualcosa da dire in merito? Scrivi sul nostro social: www.socialmediaset.it/quintacolonna. I tuoi commenti potrebbero andare anche in diretta tv.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter

91 Commenti a “Commenta la puntata con il nostro Social”

  1. gianni scrive:

    Ciao Paolo, ti ringrazio perchè mi dai la possibilità di esternare la mia rabbia nei confronti di questa gente che ci governa. Sono un dipendente statale, promosso dirigente all’inizio del 2011. Ciò ha comportato un trasferimento in altra città,un aumento di responsabilità notevole ed uno sconquassamento della vita di tutti i giorni. L’unica cosa che non è cambiata è la retribuzione. I miei soldi servono per salvare l’Italia, hanno detto questi signori. Ma solo i miei? Li vorrei vedere tutti in carcere questi ladroni.
    Gianni

  2. Valentina scrive:

    I PRIVILEGIATI: LE FONDAZIONI BANCARIE

    Gli istituti cattolici, scuole parificate non statali, rientrano in una schiera di privilegiati che comprende anche le fondazioni bancarie che sono completamente esenti dal pagamento dell’imposta sugli immobili riesumata dal Governo Monti dopo l’abolizione dell’Ici decisa da Berlusconi. Chi sono le fondazioni bancarie? Istituite con la legge 30 luglio 1990 n.128, sono diventate un importante attore della vita economica e finanziaria del nostro Paese. Si tratta di ventidue istituti che hanno un bilancio annuo di 50 miliardi di euro l’anno. Non pagando l’Imu sui loro immobili risparmieranno tra i 5 e i 10 milioni di euro. Per loro altro non è che lo 0,1% del fatturato ma per le casse dell’Italia, qualora entrassero sarebbero una bella fetta di patrimonio da destinare a chi non ce la fa a pagare le proprie spese.
    Paolo è o no una vera ingiustizia?PARLANE ALMENO TU Valentina da Bolzano

  3. gianguido scrive:

    segnalo che nel comune di castel maggiore, terremotato, sono state applicate aliquote massime inerenti all’imu.

  4. Marco scrive:

    Lì in studio ci sono sedute 4 persone che guadagnano come 50 baracchini.Penso che stipendi e privilegi così non debbano esistere.I politici tutti e magistrati e Co. non debbono più avere questi privilegi

  5. Marco scrive:

    Ma il cervello questi politici ce l’hanno o sono tonti di natura?Sono cittadini italiani e cghe sacrifici fanno o hanno fatto finora rispetto ai cittadini?Attenzione che quando il popolo si arrabbia sono dolori e per primo pagano coloro che hanno mangiato e ingrassato a spese del popolo coi loro privilegi.Cosa producono i politici:Fuffa,chiacchiere e niente altro.gente che quando deve prendere decisioni per gli altri sono velocissimi,quando si tratta di toccare i loro privilegi sono come i bradipi e le 3 scimmiette,non vedo non sento e non parlo.Andate a lavorare seriamente non a rubare ai cittadini!

  6. Marco scrive:

    I politici dicono che i loro sono diritti acquisiti,ma quelli di chi doveva andare in pensione e si ritrova adover lavorare altri 5 anni minimo,dove sono finiti?Nel cesso mentre quelli dei politici non si possono toccare.Napolitano ha le sue colpe,dovrebbe bastonare i capogruppi finchè non fanno quello che chiede senza tanti riguardi.Se non gli stà bene una riduxione a 3000 euro al mese ai politici,fuori dalle scatole senza benefici e rimpiazziamoli con altri che si accontentano di 3000 euro e fanno non chiacchiere.

  7. 51mariella scrive:

    Vivere con meno di mille euro: com’è possibile? I politici non lo sanno perchè con mille euro fanno una cena; a loro non interessa, perchè “guadagnano” tanto e tanto di più;darei a loro mille euro al mese ed è anche troppo per quello che fanno

  8. angela scrive:

    PAOLO LO STATO SIAMO NOI PER QUESTO SI DOVEBBERO LICENZIARLI TUTTI. SONO UNA SIGNORA DI 54 ANNI OGGI HO RICEVUTO LA NOTIZIA CHE A APRILE MI SCADE IL CONTRATTO E LA NOTTIZIA è CHE SARO LICENZIATA IN SIEME A CENTINAIA DI LAVORATRECE SIAMO DISPERATE PERCHE NON SAPPIAMO COME VIVERE LA PREGO DI RISPONDERMI LA SALUTO

  9. artu3 scrive:

    La dignità di esiste e la sola cosa che tiene in vita gli Italiani!

  10. Domenico scrive:

    Buonasera, ho 31 anni, laureato, ma disoccupato.
    Purtroppo con l’ apprendistato lo stato incentiva solo chi ha meno di 29 anni, quindi le aziende precludono ogni possibilità a chi compie 30 anni. Quindi noi cosa possiamo fare per lavorare? La situazione deve far riflettere chi di dovere perchè la maggior parte di noi vede tutto grigio quindi non è sereno per non dire altro.. ..e siamo in tanti. Si è disposto a tutto pur di aver una minima possibilità. Io ora ho investito i miei ultimi risparmi in un Master che sponsorizza lo Stage, ma chi puo’ fare lo stage? per poter fare lo stage occorre non essere laureato da più di 12 mesi.. fare un master fa riaprire i termini dei 12 mesi previsti dalla disciplina dello stage o no? Potreste chiarire questo aspetto? perchè sinceramente, NOI, riusciamo a superare solo le selezioni dei master.. sara perchè paghiamo?

  11. stefano zilioli scrive:

    mi piacerebbe raccontarle quello che mi stà succedendo,in sintesi ho avviato un impresa per dare un futuro ai figli, ma per colpa di un istituto di credito stà per andare tutto a catafascio. notare che dopo 18 mesi di attività la nuova impresa fattura 500.000 euro e da lavoro a 5 persone

  12. mario scrive:

    caro paolo sono un tuo ammiratore.pero’ ti devo dire una cosa io faccio il carpentiere da 41 anni versando sempre tutti i contributi al’inps,non sono a oggi sicuro di andare in pensione.madimmi un po’ tu tutte quste casalinghe che non hanno mai versato niente cosa si lamentano a fare.cordiali saluti MARIO TORINO

  13. costantino scrive:

    sign.del debbio io ho 47 anni sono stato licenziato il 3 ottobre la mobilita arriva entro febbraio dove vado vado mi dicono che sono vecchio che devo fare comprarmi una pistola ? ho moglie e 2 figli ho debiti,non so cosa fare

  14. spinetta scrive:

    ciao Paolo,volevo un consiglio…cosa posso dire questo Natale alle mie due bimbe che nn ci saranno regali per loro?aiutami a dire una bugia a fin di bene!!

  15. raffaele scrive:

    Caro direttore, è tanto che volevo scriverle e solo oggi mi sono deciso.
    Devo parlarle di un fatto gravissimo che l’anno scorso ha distrutto la mia famiglia e quella di mio fratello, padre di un angelo di nome Jessica gravemente disabile:
    per eseguire UNA SOLA delle 67000 sentenze di demolizioni che pendono in Campania, la Procura ha inviato senza alcun avviso di sgombero, a 5 giorni dal Natale e di notte, 600 poliziotti in ASSETTO DI GUERRA come fossimo stati i peggiori dei latitanti da stanare!
    CHI HA TUTELATO I DIRITTI E LA PSICHE DEI MIEI TRE BAMBINI E ANCOR DI PIU’ DI MIA NIPOTE JESSICA che si sono visti letteralmente attaccare nella propria casa mentre dormivano? in quello che è per ogni bambino il nido protettivo?
    La stessa scelta della Procura di eseguire proprio la nostra sentenza (considerando che la casa di Jessica era stata costruita appositamente senza barriere architettoniche in un paese, Bacoli, dove, come nella maggior parte dei comuni campani, non si rilasciano licenze edilizie, a causa delle inadempienze delle amministrazioni che si sono succedute nel tempo, da una cinquantina d’anni) è senza dubbio contestabile, se non per altro, sicuramente per la mancanza della trasparenza che dovrebbe essere assicurata dalla procura vista la lentezza delle esecuzioni (per l’anno 2011 solo una trentina) e visto l’interesse in ballo che è grande trattandosi della CASA e nel nostro caso dell’UNICA CASA, per la quale si era addirittura pagato il condono 2003 ecc..ecc……
    il discorso è lungo e contraddittorio, per favore non si blocchi subito perché di fronte a una sentenza passata in giudicato! mi permetta invece di illustrarle a fondo la questione e dimostrarle quanto è solo GIUSTIZIA DI FACCIATA quella che è stata applicata nei confronti della mia famiglia al fine di “ripristinare la legalità”.
    Sono 11 mesi che indago e mi batto per avere GIUSTIZIA, è inaccettabile aver perso la propria unica casa costruita su suolo di proprietà (ed illegale non perché quel suolo fosse qualificato come “zona a dissesto idrogeologico”, non perché vi gravasse un vincolo di natura archeologica, ma perché lo strumento urbanistico troppo risalente, non permetteva in alcun modo la costruzione di una abitazione regolare, ma di un’opera di pubblico interesse!) ed aver avuto poi anche la conferma di aver subito una gravissima ingiustizia scoprendo che, così come fortemente si sospettava, e così come attestato nella documentazione acquisita presso il nostro Comune successivamente all’abbattimento, nell’elenco delle RESA della Procura Generale in carico allo stesso ente (senza quindi considerare l’ordine cronologico generale del passaggio in giudicato delle sentenze) la nostra RESA era la NONA e quindi, visti i tempi di esecuzione ( basta pensare che è passato quasi un anno e nient’altro è stato abbattuto nel nostro paese!!!) e visti i tentativi ripetuti del PDL Campano di far riaprire i termini del condono 2003, la cui non applicazione in Campania (dovuta ad un deliberato di Bassolino) è stata riconosciuta incostituzionale per ben due volte, io e la mia famiglia avremmo potuto godere della risoluzione del problema da parte del governo o nella peggiore delle ipotesi avremmo potuto vederci abbattere la casa tra chissà quanti anni!!!!!
    E’ gravissimo che la Procura possa scegliere a suo piacimento a chi distruggere la VITA, non c’è trasparenza nella scelta, PERCHE’?????
    I magistrati dell’ufficio demolizioni avrebbero tantissimo (circa 70000 sentenze passate in giudicato) da abbattere, innumerevoli abusi che nessuna sanatoria o riapertura di condono potrebbe salvare (abusi speculativi, su demanio, su suolo pubblico o a rischio idrogeologico) eppure probabilmente per dare un esempio eclatante “VIENE BUTTATA PER STRADA GENTE PER BENE” (la invito a verificare le nostre fedine penali e ad indagare sulla vita che conduciamo) senza riguardo o almeno il minimo rispetto nemmeno per bambini e disabili.
    Quello che vorrei sottolinearle maggiormente è proprio il trattamento violento ed incivile che è stato riservato ai miei bambini e a mia nipote, la violenza subita mi “arrovella il fegato” : LE MODALITA’ DI ESECUZIONE DELLA SENTENZA SONO STATE INDEGNE DI UNO STATO DI DIRITTO.
    DIRETTORE, mi dia la possibilità di spiegarle e dimostrarle con documenti alla mano, la veridicità delle mie affermazioni. La nostra storia è definita da molti autorevoli paradossale, mi dia la possibilità di PARLARLE e di far capire ai falsi ambientalisti che in Campania non ci sono solo camorristi e che non tutto l’abusivismo è speculativo, c’è gente per bene e a volte anche con problemi seri che si vede costretto a costruire con sacrificio un tetto per la propria famiglia a causa dell’assenza delle Istituzioni sul territorio, e non lo fa su suolo pubblico o demaniale, poi ci abita, come nel nostro caso, per più di dieci anni, crede di averla sanata avendo pagato il condono, paga come ogni contribuente in regola ICI, Catasto, Tarsu ecc.,ecc.., è munito di regolare certificato di residenza e poi…….. UNA NOTTE SI VEDE TRATTATO COME IL PEGGIORE DEI DELINQUENTI E SENZA AVVISO SI VEDE ASSALITO DALLE FORZE DELL’ORDINE SENZA ALCUN RIGUARDO NEMMENO PER BAMBINI E DISABILI ADDIRITTURA MINORENNI!!!!!!!!
    Non si può descrivere quello che si prova, i miei figli sono scossi e disorientati; in particolare Alessia, oggi di anni 11, è in psicoanalisi (prescritta dall’Asl) e le condizioni di Jessica, la minore disabile, sono state compromesse (lo dimostra una perizia medico legale). Non poteva essere evitato tutto questo con una modalità di esecuzione adeguata e proporzionale al reato commesso?? parliamo di abusivismo e non di altro….. i nostri casellari giudiziari e carichi pendenti lo dimostrano!!!!
    e potrei ancora parlarle dei danni ai nostri averi e ai furti che abbiamo subito quando hanno messo le mani nelle nostre cose e svuotato le abitazioni (abbiamo sporto denunce ai Carabinieri) .
    Direttore, l’abbattimento della casa di Jessica ebbe rilievo a livello nazionale, ne parlarono tv e giornali; la Cronaca in Diretta fece anche un collegamento dalla casa di Jessica e oggi siamo SOLI, ARRABBIATI e DESIDEROSI DI GIUSTIZIA, di quella vera però.
    Le chiedo di non rimanere insensibile a questa tragedia, dia volto all’altra faccia dell’abusivismo a quella delle VITTIME SACRIFICALI che vengono schiacciate come scarafaggi.
    Lo Stato a Jessica da una parte riconosce la legge 104, che inoltre prevedrebbe da parte del comune di destinare delle aree per la costruzione di alloggi senza barriere architettoniche (pura UTOPIA), dall’altra la getta letteralmente fuori dalla propria unica casa e lo fa con modalità assurde!!!!!
    Per la riapertura del condono mi sono battuto per un anno intero arrivando anche al mio amatissimo presidente del consiglio Silvio Berlusconi, sono stato ricevuto con una delegazione dei comitati a difesa della casa due volte a palazzo Grazioli e Berlusconi più volte ha promesso a noi in privato ed anche pubblicamente che nessuna famiglia sarebbe stata gettata per strada. Purtroppo proprio per la mia famiglia non è stato così; oggi mi aiuti lei a soddisfare la mia sete di giustizia, a far capire che la casa di Jessica non andava toccata e soprattutto non in quel modo che ha distrutto non solo delle mura ma un mondo intero di un angelo indifeso. Mi contatti la prego
    Raffaele Cardamuro

  16. Enzo scrive:

    Egr. Dott. Del Debbio, chiedo a lei quale è la cura, ma di cosa parliamo, noi si fa i sacrifici e si muore di fame ed il nostro caro Presidente Napolitano si aumenta lo stipendio di 9000 euro per non parlare della classe politica, ma la soluzione quale è per mandare a casa la casta se non la rivoluzione, visto che il popolo il messaggio chiaro lo ha inviato e loro non hanno alcun intento di mollare l’osso.

  17. valter scrive:

    penso che la rinuncia ai vitalizi superiori al primo posa essereapplicabile se è ancora valido il decreto che fece Garibaldi al suo inediamento gvernativo come a ricordato Mirabella in una trasmissine su Rai tre.

  18. cavallini ennio scrive:

    mi scuso anticipatamwente x come mi esprimo!!!ma x quannto riuarda le spese politiche enormi che paghiamo tutti ,(uffici auto ,guardie del corpo ecc..ci stanno continuando a prendere in giro di continuo dicendo che nessuno rinuncia hai benefici xche’ nessuno lo fa’ x primo e quindi xche’farlo….sono ridicoli e continuano prenderci in giro palesemente,e’ vergognoso!!!coso fanno tutta questa gente a spese di tutti gli italiani!!!vergogna!!!

  19. spillo scrive:

    mostrate spesso signore che strillano contro lo stato e la classe politica per il fatto che percepiscono 480/500 euro di pensione mensili. Vi indignate perchè con quelle pensioni non si puo’ vivere. Alcune dicono che lavorano dall’età di 15 anni. Nessuna pero’ ha mai detto quanti anni di contributi ha versato. Mi sorge il dubbio che sia tutta gente che non abbia mai versato nulla e quella pensioncina, anche se misera ed insufficiente, è pur sempre un regalo della collettività, che in altri paesi non avrebbero mai avuto.

  20. silvana scrive:

    mia mamma è dovuta venire a vivere con me…con meno di 800 euro al mese nn ce la fà…noi siao tutti molto felice in particolare i miei ragazzi che la adorano!!!!!io sono una semplice infermiera….ma mi considero molto fortunata…spero in un futuro migliore per i miei ragazzi

  21. silvana scrive:

    ps… i miei ragazzi il loro futuro lo vedono al di fuori dell’italia…faccio molti saacrifici per sperare riescano a realizzare i loro sogni

  22. ANNA scrive:

    LA DE GIROLAMO E’ UNA RUFFIANA METTE IN MEZZO LA NONNA LA SORELLA NON SE NE PUO’ PIU’MA LEI NON APPARTIENE AD UN PARTITO CHE HA VOTATO PER RUBY?LEI SI TIRA FUORI DA TUTTO VUOLE APPARIRE LA SANTARELLINA PER SALVARE LA POLTRONA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  23. cavallini ennio scrive:

    ma mandate in onda queste imal !!!sono 1200 ,quando basterebbero 200 e si difendono uno con l’altro non faranno mai leggi che nuociano a loro !!!e’ talmente assurdo tutto cio’ che dicono e le scuse che usano ….ma niente fatti concreti che li tolgano dalle loro sedie dorate,(questi nulla fecenti )a spese nostre!!si devono vergognare!!ma scusate se non avessero lo stato dalla loro parte come potrebbe difendersi da queste accuse ,tutte queste queste spese chi le paga ,ci stanno saccheggiando le casse dello stato!!!e’ una cosa che non si riesce a definire …!!!!ma datemele a me le stanze vuote a monte citorio(vergogna)

  24. cavallini ennio scrive:

    ma che faccia possono avere delle persone che dicono che ci voglio rappresentare quandosono loro i primi a rubarci i soldi in tasca e fanno di tutto x tutelarsi loro ,ma non noi i cittadini che faccia (che maschera) possono avere delle persone del genere .e noi abbiamo anche il coraggio di votarli !!!!non ho parole ,non ci sono parole!!!

  25. MASSIMO BONANSEA scrive:

    Buongiorno sono un uomo di 53 anni, disoccupato in mobilità, che segue da tempo il vostro programma. In tutte le vostre puntate non si è mai parlato del fatto che ci siano migliaia di pensionati che continuano a lavorare prendendo un’ulteriore retribuzione oltre alla loro pensione togliendo posto di lavoro ai giovani e a lavoratori come me che non riescono a trovare un’occupazione. In ogni azienda in cui faccio la domanda di lavoro mi sento rispondere che avrebbero bisogno di una persona ma che purtroppo il posto è già occupato da un pensionato. E’ giusto che io disoccupato e voglio lavorare non riesco ad avere una retribuzione a causa di queste persone che addirittura ne percepiscono due??? PERCHE’ NON PARLATE DI QUESTO PROBLEMA NELLA TRASMISSIONE??? Se i pensionati non lavorassero più pensate a quanti posti di lavoro ci sarebbero in più, ovviamente meno disoccupazione = meno sussidi di disoccupazione, meno mobilità da pagare per lo stato, meno cassa integrazione…più soldi e meno crisi…perché non si provvede a questo???MASSIMO BONANSEA DALLA PROVINCIA DI CUNEO PIEMONTE

  26. ROBERTO DE CORSO scrive:

    SONO UN OPERAIO IDRAULICO FORESTALE LAVORO PRESSO LA COMUNITA MONTANA FORTORE E NON PERCEPISCO LO STIPENDIO DA 17 MESI.IL NOSTRO CARO PRESIDENTE DA LA COLPA ALLA REGIONE CAMPANIA.VORREI UN PICCOLO SPAZIO PER PARLARE NELLA TUA TRASMISSIONE.

  27. ANNA scrive:

    CHE CAPACITA’E POTERE HA LA DE GIROLAMO PER POTER DIMOSTRARE DI ESSERE O N E S T A? CHI L’AVREBBE MAI VOTATA SE CI FOSSERO STATE LE PREFERENZE? CHE HA PRODOTTO IN PARLAMENTO?

  28. Franco Bognetti scrive:

    Seguo sempre con molto interesse la vostra trasmissione, come Report della Gabanelli.
    Entrambe trasmissioni che mettono a nudo il dilagante gigantesco malaffare politicante che a messo in ginocchio questo meraviglioso paese.

    Visto e considerato lo stato degradante attuale, dove manca il lavoro, dove è sempre più difficile sopravvivere per moltissimi cittadini che con dignità cercano di mangiare almeno una volta al giorno.
    Premetto che sono del 1945, conosco ed ho vissuto molti cambiamenti.
    Visto che il comune denominatore è quasi sempre lo stesso, propongo un unione generale di tutte le aziende coinvolte in questi drammi, dimostrando pacificamente davanti i palazzi del Governo di Roma, con un preciso obiettivo, cacciare tutti i politicanti dai nostri palazzi.
    Solo un azione forte può scuotere davvero questi politicanti strapagati a fare nulla se non delle comparse come degli attori.
    Ragusa, Franco Bognetti

  29. Franco Bognetti scrive:

    PROGET COMUNITY ITALIA

    LA CRISI NON SI COMBATTE CON LE MANI IN MANO
    UNISCITI CON NOI

    In Italia oltre 4000 Paesi, Borghi, Ville, Cascine
    totalmente abbandonati, ed a rischio estinzione,
    un enorme potenziale capitale da far rivivere

    http://www.social-travel.ititalianisulweb@gmail.it
    INVITO DI PARTECIPAZIONE

     Da tempo ci occupo di questo tipo di ricerca, trovando numerosi paesi, borghi, cascine e ville abbandonati disseminati in tutta Italia.
    Alcune realtà sono in recuperabili, altri in contesti geologici franosi, altri terremotati, ed altri ancora sono semplicemente abbandonati, per ovvi motivi quale l’isolamento ecc. ecc..
     
    Essendo nato in campagna, sin da piccolo amo la natura, e tutto quello che ruota attorno ad essa compreso tutto quello che la campagna gratuitamente da in termini di sostentamento per l”uomo.

    La ricerca è cominciata quando mi sono reso conto della brutalità della vita che si vive nelle grandi città sature, ritenute moderne, un agglomerato di fattori contraddittori alla vera natura dell’uomo.
     
    Vorrei tanto essere di utilità al mio prossimo, per questo o realizzato un progetto di massima per la rivalutazione di alcune possibili realtà abbandonate.

    In effetti il progetto riguarda ad un nuovo articolato modello di stile di vita, libero e indipendente.

    Cerchiamo nuclei famigliari, singole persone, motivate ed intenzionate costituire una libera comunità, auto sufficiente ed autogestita autonomamente dove tutti i componenti, in modi diversi collaborano alla conduzione del fabbisogno quotidiano della comunità.
     
    Nella mia vita o appreso numerosi mestieri da vecchi maestri, rendendomi auto sufficiente in qualsiasi lavoro artigianale, dedicandomi con pazienza e perizia, e che oggi potrei insegnare a tanti altri giovani volonterosi intenzionati seguirmi in questo progetto sociale.
     
    Credere in un progetto significa avere le idee chiare sul cosa e come realizzarlo dettagliatamente, calcolando tutte le possibili valutazioni e varianti del caso.
     
    La vita in una comunità prevede condizioni particolari in un contesto sociale molto differente dalla città, specie per chi non ama la campagna all’aria aperta.

    Tutti coloro vogliono avere ulteriori informazioni, e sono intenzionati ad aggregarsi, possono consultarci liberamente.
    Lavora anche tu con noi, lavorerai per te, e per il tuo stesso paese.

    Inviaci una tua info, saremmo lieti di risponderti.

  30. Franco Bognetti scrive:

    Complimenti a Paolo Del Debbio, per la sua importantissima trasmissione che tutto e tutti.

  31. serio battisti scrive:

    carissimo Paolo sono disoccupato dal 2008 il mio appartamento che o diviso in 2 per affittarne una parte a 400.00 euro per avere a fin mese qualcosa per mangiare mi sono stati sequestrati da equitalia tutti e 2 vorrei sapere come faccio ad andare avanti sicuramente la colpa è mia ma ti premetto che non nessuno che mi aiuta sto pensando di andare davanti a monte citorio e chissa se qualcuno mi sente CIAO E GRAZIE

  32. serio battisti scrive:

    auguri per la tua trasmissione

  33. raffaele scrive:

    Sono molto soddisfatto della trasmissione anche perchè si stanno smascherando tutti questi impuniti che non le cariche istituzionali fanno i ladri autorizzati, io per aver fiducia nella giustizia ne sono rimasto vittima, per me il presendente Napolitano mi scrisse che era di parte che non poteva intervenire, ma per il giornalista Sallusti si, forse perchè sono un povero mortale un semplice cittadino allora devo subire, mi piacerebbe tanto sentire qualcosa dalla vostra trasmissione sui magistrati disonesti, sarei disposto a venire in trasmissione a raccontare la mia storia allucinante Grazie Raffaele Morgillo

  34. Marinella Rinaldi scrive:

    Buongiorno, mi chiamo Marinella vivo nella provincia di Como e ho 37 anni.
    Spero vogliate perdere 5minuti del vostro tempo per leggere questa lettera, sicuramente ne ricevete milioni.
    Ieri sera per la prima volta in assoluto ho seguito il vostro programma, la prima volta in assoluto che seguo un programma del genere. Il motivo e’ che le parole non hanno mai portato a niente perche’ i fatti sono quello che contano.
    Ma dal momento in cui mi sono resa conto che davate voce alla gente come senza porre censura, ho decisoo di seguirlo fino alla fine.
    La mia stori a non e’ molto speciale e’ una storia come tante, ho perso il mio posto fisso nell’ agosto del 2008 e d’allora fortunatamente ho sempre trovato un lavoro, grazie al fatto che fossi in mobilita’ maun avolta terminata piu’ nulla.
    Ma non mi sono arresa e rimboccata le maniche aiutata dall’ ufficio di collocomento ho scritto un nuovo C.V e mi sono mossa a mandarne via Mail e porta porta.
    Bhe con mio stupore la risposta e’ stata la seguente: troppo grande!!
    Si troppo grande, perche’ grazie ai nuovi contratti che agevolano i giovani,che e’ giusto che sia stato fatto, altrimenti non entreranno mai nel mondo del lavoro; ma le persone come me cosa devono fare???
    Io sono solo due mesi che cerco lavoro, e mi ritengo fortuna non ho figli marito, e vivo con i miei, ma nonostante sono cosi’ fortunata mi sento umiliata alla mia eta’ non potermi permette di andare a vivere da sola anche in un monolacale, perche’ non posso permettermi di pagare un affitto.
    Purtroppo nella mia testa e credo nella testa di molti italiani come me e’ scattatao un meccanismo di autodistruzione.
    Sono una persona molto semplice, senza grilli per la testa, non mi lamento se non posso permettermi cio’ che e’ superfluo, ma dov’e’ finito il diritto al lavoro.
    La nostra dignita’ di persone dove sta finendo?
    In questo periodo dell’anno in cui dovrebbe esserci gioia, un solo pensiero sta prendendo piede nella mia testa: farla finita!
    Non ho mai dato ecesiva importanza al denaro, non ho mai fatto sprechi, ho sempre lavorato dando il massimo cercando di andare incontro alle neccessita’ dell’azienda per cui lavoravo perche’ se l’azienda andava bene andavo bene anche io. Ma alla resa dei conti la mia proffessinalita e lealta’ non e’ servita a nulla e non serve ora.
    Alla fine anche se mi togliessi la vita sarei un numero tra tanti, ma almeno troverei un po di pace.

  35. jessica scrive:

    Salve, con sorpresa quest’anno dovevamo prendere come tutti gli anni il contributo affitto e il comune ci ha risposto che non lo davano più perchè lo stato gli ha aumentato le tasse e non hanno piu quel fondo regionale.
    Pero per montare le luci di natale e la corrente e sappiamo il costo, ci sono..

  36. Luciano Mei scrive:

    Non credete di essere degli ipocriti ? Lasciate perdere la favola che la politica è una missione, se io fossi al loro posto e facessi il mio dovere di eletto dal popolo e non fossi un benestante (di famiglia) non rinuncerei a nessuno dei privilegi a parte quelli assurdi (domandatelo ai famigliari ……). Diffidate dei barbato (idv) di turno ……………
    Dimenticavo ….. Voglio proprio vedere i grillini fra cinque anni !!!!!!!!!!

  37. romanoraffaele scrive:

    Mi piace ma vorrei che qualche volta parlaste anche del problema della ricongiunzione dei contributi dall’inpdap all’lnps perche fino ad ora ci hanno preso solo in giro senza darci nessuna soluzione

  38. romanoraffaele scrive:

    Paolo vorrei partecipare ad un tuo progammm ma vorrei sapere come fare e a chi rivolgermi.ha scritto w barbara d’urso e non ho avuta nessuna risposto ora mi rivolgo a te che sei dalla parte di noi poveri pensionati.

  39. Daniela scrive:

    Gent.mo dr. Del Debbio, è vero che non tutti i politici sono uguali…allora proponiamo a questi dichiarati ONESTI di sottoscrivere, tutti assieme, la SEMPLICE RICHIESTA di rinuncia del 50% del loro stipendio e la rinuncia di tutti i privilegi. Solo in questo modo avremo la possibilità di capire quali sono i VERI ONESTI e potremmo iniziare veramente scegliere le persone GIUSTE alle prossime elezioni.Grazie

  40. fabrizio scrive:

    Colgo l’occasione per complimentarmi con la trasmissione che seguo costantemente,
    condotta da una persona straordinaria come il dott Paolo Del Debbio che affronta i problemi reali con particolare attenzione ai cittadini colpiti dal disagio sociale evidenziando gli scandalosi privilegi dei politici. Grazie dott Paolo

  41. marina scrive:

    Caro Paolo, sei un grande, ti ringrazio per la trasmissione che porti avanti, e soprattutto ammiro il tuo coraggio da conduttore nel versare al mondo la VERITA’. Ma questo è un mondo sordo che non ha orecchie per il popolo sovrano. Ognuno ha il suo dramma il suo dolore la sua follia hanno tutti ragione……I precari i disoccupati !! Mio fratello da quando è nato è un precario, non percepisce nulla nemmeno l’indennità della disoccupazione. Oggi ha 48anni è tagliato fuori da tutto. Ha una piccola invalidità ……………questo è stato il suo calvario. Senza stare ad elencare la sua triste storia voglio farti presente un solo fatto: Ha lavorato presso l’AMA CIMITERIALE come CO.CO.CO per un anno. Profilo lavorativo eccellente, ma allo scadere del contratto tante illusioni per poi finire nel dimenticatoio. Ti parlo di 4 anni fa, c’era ancora mia madre – oserei dire donna coraggio morta dal dolore di non vedere suo figlio a posto (siamo anche orfani di padre) Mi sono presa io in carico questa situazione mi sono rivolta a tutti : ALEMANNO-GUIDI-LUPI-vado ancora avanti? Nessuno mi ha ascoltata …………poi scopro il progetto RETIS ideato da SVEVA BELVISO………tale progetto aveva il compito di inserire all’interno dell’AMA gli extracomunitari!!!!!! Mio fratello no, non poteva rientrare. Che schifo Paolo che schifo………se non avesse me (sono sua sorella) he fine avrebbe fatto mio fratello? Non aveva bisogno di un posto da Dirigente ma di un posto i così detti SOCIALMENTE UTILI.
    gRAZIE PER AVERMI LETTA ALMENO TU ASCOLTI.

  42. romanoraffaele scrive:

    Paolo sono un pensionato di 67 anni e mezzo. Sono ajdato in oensione a 66 anni ma avendo lavorato sia nel pubblico fhe nel privato complessivamente 38 anni mivritrovo con una pensione di 670 euro e per fare la ricongiunzione dover pagare decina di migliaio di euro ed io non so dove prenderli e percio mi chiedo cosa fare.

  43. giuseppe scrive:

    pago imu in Germadia per casa in affitto, in Italia perche`sono iscritto allaire mi calcolano come seconda casa, quesdopo 40 annidi sacrifici, non si vergognano rubare anche agli emigrati che anno dovuto andare allestero per poter sopravvivere.

  44. lisetta scrive:

    Io credo che chi e a capo dello stavo non si renda conto del disagio che noi giovani abbiamo perché noi oltre a non avere un futuro non abbiamo un lavoro noi non lavoriamo ma ma quello che mi chiedo io perché gli stranieri quando vengono qui lavorano vuoi e noi italiannon lavoriamo il lavoro c. È ma lo spendono la gente dal est. Io credo che noi giovani ci debbano tutelare x avere un futuro migliore il futuro siamo noi. Annalisa. Da Salerno

  45. lauaretta scrive:

    complimenti per la trasmissione è utile parlarne, ma la soluzione dei nostri problemi quando ci sarà? lo sappiamo tutti che siamo governati da sanguisughe ma perchè non ci ribelliamo?

  46. raffaele scrive:

    caro paolo ti lascio alcune dritte per salvare non l’italia ma alcuni italiani quelli che sono più tartassati.
    1)aumentare di 0.20 la benzina e il gasolio .
    2)sgravo immediato alle imprese delle tasse inpis in modo da favorire le assunzioni
    3) licenziamenti sul settore pubblico che automaticamente verranno assorbiti dal settore privato con una differenza di produttivita molto più elevata .
    4)sistema penzioni moderno ovvero anziani produttivi e non passivi in pensione non ci si va più finche c’e la salute in modo che chi ha bisogno sia servito nel migliore dei modi non come ora che anche chi sta bene usufruisca del bene comune .

  47. Flavia scrive:

    E’ l’unica trasmissione che guardo volentieri,in quanto tocca i problemi veri della gente comune ,cosa che la casta non vede.Comunque sono più convinta che per salvare l’Italia serve una rivoluzione

  48. Mariangela scrive:

    Buongiorno,complimenti per la trasmissione. Inutile parlare di disoccupazione,vitalizi,casta,macchine blu….il problema ITALIANO sono gli italiani!Panza piena non pensa a quella vuota!!!!!!!Suicidi,pianti e disperazione non stanno portando a nulla.Lei dice sempre “si poteva fare diversamente?”….Si deve fare diversamente!!Ma a chi importa??????

  49. umberto righeschi scrive:

    Dr.Del Debbio,la prego,faccia presente durante la sua trasmissione,che in Italia
    ci sono 320 opere incompiute,costate miliardi e di cui nessuno si assume la
    responsabilità:perchè i responsabili non vengono accusati per questi sprechi?
    Se continua cosi’ la vedo brutta.

  50. umberto righeschi scrive:

    Avrei alcune proposte:fisco all’americana,tutto cio che compro viene fatturato
    e scaricato.Stipendi massimi 6000 € nessun benefit,paghino tutto-trasporti-
    telefono ecc.che non sia per lavoro.Pensione rapportata allo stipendio,come tutto
    il resto del paese.Massimo tre partiti pagati dai tesserati e non dai finanziamenti

  51. Mariangela scrive:

    Buonasera Sig. Del Debbio,
    sono una sua fan, reduce dalla puntata di ieri 3 dicembre 2012, posso asserire di essere arrivati all’inverosimile, i nostri cari parlamentari ancora una volta seduti comodamente nel Vs. spettabile studio, nel quale si affrontano i problemi reali e tangibili di oggi, diventati macigni per noi tutti, a far cosa????? a litigare tra loro, ancora si disputa sul da farsi circa i cosidetti tagli e nel mentre se ne parla la gente non solo non arriva a fine mese ma gli viene tolto un bene preziosi come LA VITA, e ci sarebbe tant’altro da dire, ma credo che i problemi oramai si conoscono bene abbiamo bisogno delle RISOLUZIONI A QUESTI PROBLEMI UNA VOLTA PER TUTTE.qualcuno cantava: Non Abbiam bisogno di parole…..VOGLIAMO I FATTI, NELL’IMMEDIATO mentre loro litigano la gente muore dentro e non solo…VERGOGNA!!!!!!
    saluti

  52. donato scrive:

    Egreggio Del DEbbio mi complimento per la sua trasmissione che dà voce alla gente comune di parlare. Le scrivo in quanto ho seguito la trasmissione del 03/12/2012 dove si discuteva delle doppie pensioni dei politici sono deluso nel sentire arringhe contro tutto il mondo però una cosa che gli ospiti nello studio non dicono che ad ogni fine mandato percepiscono la liquidazione esentasse io come tanti quando sono andato via ho pagato le tasse sulla mia liquidazione e non trovo logico che tutti i politici non le paghino e vengono da lei solo a fare teatrino penso che questo non sia solo lo sfogo mio distinti saluti donato TORINO

  53. pisano scrive:

    buonasera : se leggete forse vi sarà utile. e chiedo scusa per errori o solo la 5° elementare e 54 anni perdonatemi.
    sono di catanzaro disoccupato io, mia moglie, e i 2 miei figli di 27- e 20 ANNI ,achessi disoccupati si vive alla giornata quandè possibile lavorare, sono operatore video occasionale.
    si parla spesso di pensioni minime che giustamente percepiscono anziani ecc. ma sia nella vostra trasmessione che altre non si parla mai di chi non percepirà nessuna pensione nel futuro se non che la sociale di circa 200,00 euro
    dunque: o 54 anni solo 12 anni di contributi cosa, e come vivrò in futuro ? se ci arrivo? ma volevo esprimere un mio parere magari potrebbe essere utile a voi nel dirlo in trasmissione .
    come si cambierebbe l’italia finchè tutti vivrebbero bene vi chiedete come? ecco come.
    (1 )
    perchè non si fa lavorare almeno 1 persona a famiglia ci sarebbe almeno un’entrata,per tutti italiani e pagare le tasse dovute e poter mangiare ), invece di far lavorare parenti di politici e amici se una famiglia composta di 5 persone lavorono 5 persone entrono 5 entrate, non’è giusto chiediamolo ai politici perchè?.
    e quelli veramente bisognosi niente debbono soffrire vero?
    perchè in’italia non ce nessun lavoratore al suo posto , vale a dire che nessuno capisce tanto, di quello che deve fare perchè non’è il suo di lavoro .
    non mi dilungo perchè ci sarebbe molto da dire e vi seccherei il sig. monti evidentemente non’ hà fatto cavetta.il detto di totò : sig. si nasce non si diventa, almeno oggi come oggi poveri siamo e poveri moriremo.

  54. Antonio scrive:

    Egregio Paolo Del Debbio
    sono un assiduo ascoltatore del suo programma, perchè lei è con la gente ed in mezzo alla gente. Vorrei che Lei evidenziasse un problema ormai toccato più volte, è quello dei soldi sperperati e della politica che ruba!!! il dopo Lusi Fiorito etc, non hanno sortito alcun effetto, dovevano fare la legge per ridurre i sovvenzionamento ai partiti, Ma come al solito è andata nel dimenticatoio. Io ho perso la fiducia di tutti i politici ed ho deciso di non andare a votare, di esercitare il diritto al rifiuto della scheda fino a quando non si fanno leggi che riducono le spese ai partiti. Per non parlare poi della legge elettorale!!! le solite tarantelle, Parlano bene e razzolano male e continuano a prendere i fondelli gli elettori. Questo non va BENE!!! sono incazzato!!!!!! Grazie per avermi ascoltato.

  55. Lavoro scrive:

    Scusate se mi permetto ma è estremamente necessario Ricordare che il Problema della Disoccupazione NON è Strettamente Giovanile i Giovani hanno anche le Risorse Fisiche per Partire ma il vero problema è che la gente di mezza età maschio o femmina che sia ha grossissime difficoltà a trovarsi un posto non è importante essere Bravi tanto non lo trovi Ugualmente ci sono famiglie con bimbi piccoli alla disperazione… questo è un vero problema da portare avanti Ricordando lor Signori dello Stato che è ORA DI FARE QUALCOSA hanno permesso di
    traferire troppo lavoro all’estero è adesso una catastrofe, C’ERANO INTERE AEREE PRODUTTIVE interi paesi con miracoli Economici, piccoli artigiani e grossi Industriali indotti eccellenti) non è per scherzo, il problema è serissimo ma più serio per le persone di mezza età , ma dico io NON SI VERGOGNANO ?? il LAVORO è UN DIRITTO non solo un dovere Con questo Concludo ..

  56. Giuseppe scrive:

    Dott. Paolo … La stimo molto merita la stima del popolo italiano per quello che Fa in tv. L’unico che fa parlare il popolo . Le chiedo una cortesia le dica alle nuove generazione di politici ( nunzia) che non c’entra col vecchio sistema politico , ma ne fa parte . Caro paolo non ci sarà ripresa nel sistema finanziario ne nel 2013 ne mai ormai ci stiamo avviando a un patatrac totale lei lo Sa meglio di me , le dico di più la crisi futura sarà devastante per tutti i popoli . Comunque grazie per rappresentare la classe debole .con affetto Giuseppe

  57. Cris scrive:

    Sono nauseata da lo schifo che c’è all’interno della politica italiana!!

  58. FANT IDA scrive:

    Ho sempre seguito con interesse la sua trasmissione,ma lunedi scorso era il caos completo!Con tutto il rispetto per i grossi problemi “della piazza”di cui faccio parte anche io,ho trovato che le accuse ai politici presenti,poveretti,sono solo per scaricare l’ira di ognuno.Penso sia meglio in futuro fare piu’spazio alla risoluzione dei grossi problemi che ci attanagliano ascoltando e facendo parlare gli ospiti presenti,intercalandoli senza urlare alle persone delle piazze.Grazie.Ida Fant.Reana del Rojale.UD

  59. Critica su Anomalie scrive:

    Egregio dott. Del Debbio,

    seguo con attenzione il suo programma, sul quale esprimo tra l’altro un giudizio d’insieme positivo ; vorrei però fare alcune osservazioni sulla trasmissione di ieri lunedì 3 dicembre :

    perché nonostante le ripetute richieste, di una delle piazze sullo stipendio della parlamentare Nunzia De Girolamo non ha fatto in modo che la stessa desse una risposta concreta ? Perché ha permesso che si arrampicasse agli specchi, come l’uomo ragno, evitando l’argomento ? La cosa che però mi ha più infastidito è che Lei, dopo le ripetute richieste della piazza e nel momento cruciale della discussione, ha spostato il collegamento come a voler proteggere la parlamentare da una evidente situazione di difficoltà; cosa che sinceramente non mi aspettavo. In una trasmissione come la Sua è giusto che non venga nascosto nulla, è giusto che gli Italiani sappiano che in una famiglia come quella dell’onorevole, tra lei ed il marito, anche lui parlamentare, entrano circa 35000 euro al mese.

    Vorrei dire inoltre qualcosa sul caso Pivetti.
    Nessuno mette in dubbio l’onestà, le capacità, gli intenti, l’operato politico dell’ex presidente del consiglio; quello che si contesta è il principio secondo il quale lo stato deve mettere a disposizione un palazzo, con relativi costi d’affitto, utenze di acqua, gas, luce, costi di personale, pulizie, manutenzioni ordinarie e quant’altro per ex presidenti del consiglio; credo infatti che alcuni di essi come Prodi, Berlusconi, Amato, Maroni, ecc. non usufruiscono, per loro scelta, di questo privilegio. Non parliamo poi di scorta e di auto blu ! Se gli ex politici vogliono continuare a fare qualcosa per la Nazione possono alloggiare presso una onlus, presso la sede del partito o a casa loro, evitando un ulteriore aggravio economico per le casse dello stato e per le famiglie.

    Infine mi chiedo perché nella Sua trasmissione non viene mai affrontato l’argomento sui compensi dei personaggi del mondo dello sport e del mondo dello spettacolo; i primi per una questione morale e di principio, dato che spero vengano pagati totalmente da società private, i secondi per una questione di merito. Riguardo ai primi ci sono comunque, nel caso dei calciatori, i costi di alcuni stadi comunali, delle forze di sicurezza impegnate durante gli incontri ed altro, che ricadono sempre sullo Stato e di conseguenza sui cittadini.
    Vi sembra giusto che un conduttore di San Remo percepisca un compenso di oltre un milione di euro per lavorare tre o quattro serate? E che un ospite, sempre di San Remo, italiano o straniero, percepisca per una apparizione qualche centinaia di migliaia di euro ? Vi sembra giusto che in trasmissioni come la Sua i Suoi colleghi come Santoro o Bruno Vespa percepiscono compensi di centinaia di migliaia di euro all’anno o, come si dice 30000 euro a serata ? E’ ovvio che se anche Lei si trova a questi livelli forse cestinerà subito questa mia e continuerà a non affrontare, come tutti l’argomento; speriamo di no. Mi chiedo,ma cosa fanno di tanto importante per l’umanità queste persone per meritarsi tanto ? Restando valido comunque il principio che anche coloro che fanno cose molto importanti per l’umanità non possono essere ricompensati, in modo direttamente proporzionale, con una eguale quantità di denaro.Il danno maggiore non è però quello economico, che ricade sulle casse dello Stato e sulle tasche dei cittadini, ma quello che commettiamo trasmettendo alle future generazioni sfiducia e perdita di valori morali; non dobbiamo più dire ai nostri figli dedicati allo studio per diventare ingegnere o medico oppure impara un buon mestiere che ti dia da mangiare;dovremo forse dire prova se riesci a fare il calciatore o se femmina la velina in alternativa vedi se riesci a fare il politico, una volta consigliavano di fare il prete, oggi non va più di moda.

    Un caro saluto
    Filippo da Urbania

  60. Anonimo scrive:

    caro signor del debbio chi le scrive e una persona disperata perche non ha un lavoro e sono al massimo della disperazione e mi vergogno di ammettere che ho fallito cosa posso offrire ai miei figli niente tranne che umiliazioni e la cosa piu brutta e non trovarsi nessun familiare ad aiutarti quando non hai i soldi x le esigenze primarie e trovrti a indebitare ancoradi piu x pagare l imu a una casa che vogliono abbattere xche abbusiva e giusto non avere nessuno che ci aiuti e questa l italia democratica che i ricchi sono sempre piu ricchi e i poveri sempre piu poveri e si permettono anche di dire io non c e la faccio piu ho solo una gran voglia di morire

  61. morena scrive:

    egr.sig.Paolo, seguo con grande interesse la sua trasmissione e tutte le volte finisco col “magone” 1- per le storie che saltano fuori. 2 per il comportamento che hanno certi politici che dovrebbero aiutarci e invece dimostrano sempre più che una volta che hanno preso il “seggiolino” non sanno più chi c’è sotto e che li ha sotenuti fino a lì. Mi da molto fastidio che chi viene nella sua trasmissione continui a dire “ma io non c’ero, non ero ancora nata/o”,vorrei dire a queste persone “ora che ci sei non devi nasconderti dietro a un dito, ma devi farti valere e se la pensi come le persone in difficoltà (tu non lo sei)cerca di portare avanti i loro discorsi.C’è un’altra categoria che io li definisco “gli indottrinati”, che hanno delle grandi parole, ma cervello proprio poco, sono tutto fumo e niente arrosto e mi chiedo come hanno fatto ad arrivare a certi vertici. Questi personaggi io li godo proprio poco, perchè sono dei grandi superficiali e dubito possano portare avanti il discorso di un’ Italia e del suo popolo,che a causa loro diretta o indiretta è in ginocchio. Io, come del resto tutti quelli che stanno vivendo questa situazione sono molto arrabbiata, vorrei solamente che questi personaggi prendessero veramente visione delle cose e di trovare al più presto una soluzione che gioverebbe a noi e a loro. A noi perchè vivremmo meglio, a loro perchè godrebbero meglio della situazione e guadagnerebbero in credibilità. Paolo lei è il numero 1. La ringrazio per quello che fa. Saluti Morena Anteghini

  62. mimmo scrive:

    caro paolo vorrei parlarti del mercato in nero fatto dai cinesi a napoli milioni e milioni di vendite in nero e non si sa dove vanno a finire i soldi
    ho scritto a varie trasmissione e non si sono fatte sentire

  63. Paolo scrive:

    Sono un disoccupato (licenziato per motivi economici dalla sua ex Azienda)da circa 5 mesi.Lo Stato italiano tassa a noi umili e poveri disoccupati anche l’indennità di disoccupazione erogata dall’INPS. Non credete che sia l’ennesima umiliazione che ricevono i cittadini…!!?? Ormai è chiaro come tutte le tasse che paghiamo vadino ad alimentare la voracità della “casta” che purtroppo ci governa, mentre dovrebbero (in un normale Stato democratico fondato sul diritto al lavoro)andare a garantire i servizi pubblici essenziali. In Italia invece si chiudono gli Ospedali e si aiutano le Aziende a licenziare le persone con grande facilità, con la sola generica motivazione della crisi economica. Concludendo in Italia si è deciso di togliere il diritto al lavoro ed il diritto alla salute, cambiando di fatto la forma istituzionale dello Stato, uno Stato non più democratico ma dispotico. Ci resta il solo diritto di voto, ma penso che anche quello è sempre vincolato dai Partiti e che pertanto è condizionato. Un suggerimento per Del Debbio: Perchè il nostro (feroce) Monti non fa un piccolo prelievo forzoso (2-3%) anche sulle ingenti somme di denaro che hanno in cassa i Partiti…!!??? Saluti.
    Paolo Borcime

  64. Luigi scrive:

    Seguo con interesse la trasmissione e mi farebbe piacere se oltre ai problemi della casta venissero considerati anche quelli dei commessi dei Palazzi che, credo, anche loro facciano parte di una casta di intoccabili. Non ho mai visto in giro un concorso per l’assunzione di questo personale per cui ritengo se lo tramandino di padre in figlio. Penso che non sia una cosa giusta.

  65. maurizio signorini scrive:

    mi chiamo signorini maurizio o 48 anni sono sposato ed ho una bimba di quasi 4 anni, mi sono trasferito nel 2006 a massa per i problemi dovuti a mia madre che incominciava a dare segni di demenza senile , inoltre avevo un fratello invalido al 100% allettato si nutriva tramita sndino non parlava , tipo welbi, cosi o pensato di trasferirmi da loro per aiutarli. mio fratello e deceduto nel 2007, mia madre e peggiorata ulteriormente, a avuto una crisi non sappiamo esattamente se un ictus o crisi epilettica, fatto sta che sta veramente male e penso che a breve ci lascierà. il mio problema che non lavoro da oltre un anno e mia moglie non lavora per il semplice motivo che mia madre non può essere lasciata sola. sto vivendo con 1000 euro di pensione che percepiscie mia madre, e sono indietro con bollette varie . vivo in casa popolare , non so ancora quanto vivrà mia madre , a natale non possso permettermi di fare un piccolo regalo a mia figlia , penso che non sia giusto, nella mia vita ho sempre lavorato, ma se non trovo un lavoro sarò costretto a fare il delinquente,non vedo alternative. io non penso di fare gesti brutti ma devo cresciere mia figlia e se in italia repubblica fondata sul lavoro non mi da la possibilità di lavorare vuol dire che ruberò spaccierò , tanto come leggo tutti in giorni i parlamentari sono i primi a rubare , già ma loro sono protetti, . la ringrazio per la sua attenzione. spero in un vostro contatto.

  66. Enrico scrive:

    Caro Paolo,mi permetto di segnalare un problema per la stima e la serietà con cui conduci questa trasmissione e anche Mattino 5: il Comune di Cesena ,ma tanti altri ancora, applicano l’IMU al 10,6 ai possessori di una sola casa nel loro territorio,ma sono residenti in altra città per lavoro; la stessa aliquota viene applicata a chi oltre alla 1^ casa ne possiede altre 2,3 o 10.Dov’è finita la tanto sbandierata equità degli Amministratori di sinistra?
    E come è stata interpretata da questi Amministratori la “discrezionalità concessa ai comuni? La circolare n.3/DF del Ministero Finanze del 18.05.2012 raccomandava ai Sindaci, all’interno dei limiti minimi e massimi di attuare criteri di ragionevolezza e non discriminazione.Potrebbe chiedere lei al Sindaco di Cesena se ha adottato questi criteri o ha messo tutti nel calderone?
    Ringrazio per ciò che sicuramente farà per far conoscere almeno ai cittadini onesti, l’operato dei loro Amministratori

  67. carmela scrive:

    sono carmela, ho 48 anni, sono ipovedente, vivo con una pensione di €265, voi vi scndalizzate se una persona vive con € 500. io cosa dovrei fare grazie, ps. il programma è interessantissimo. purtroppo a causa della pillola che prendo x l’asma bronchiale, mi stanco e non posso seguire come vorrei, a presto

  68. lavoratori ceit impianti scrive:

    Circa 250 lavoratori, della ditta Ceit impianti srl che lavora in appalto per Telecom Italia nella regione Lazio e nella citta di Roma,

    finiranno dal 1 gennaio prossimo in Cassa integrazione. Telecom Italia gestisce tutta la rete telefonica in Italia a fronte di oltre 5 miliardi di euro che incassa ogni anno dal canone, ne spende circa 700 milioni di euro per la manutenzione e sviluppo di rete telefonica, il tutto senza

    gare di appalto (questo non lo sappiamo se sia lecito) ora proprio nel momento che sono previsti tantissimi investimenti per realizzare la nuova rete in fibra ottica la Ceit impianti è stata estromessa dai territori di Roma e del Lazio, proprio dove sono previsti i maggiori investi-

    menti, a favore di altre imprese piene di debiti e di cause verso i lavoratori.

    La Ceit impianti è un’azienda sana, in regola con ogni tipo di pagamento, non avrebbe alcun interesse a dimettere le proprie attività e a licenziare i propri dipendenti di Roma e provincia. Poichè Telecom è intenzionata ad affidare ad altre imprese gli appalti nei territori finora assegnati a Ceit Impianti questa sarà costretta a chiudere la propria unità produttiva per la regione Lazio dove risultano in organico 70 dipendenti diretti Ceit, oltre ad altri circa 150 lavoratori in attività di indotto, che verranno a trovarsi senza lavoro nell’attuale drammatico contesto di crisi economica.Come è possibile sbarazzarsi di un tale bene per sostituirlo con un altro che non si sa bene che valenza abbia ma soprattutto con quale conoscenza del territorio? La grave situazione che si verificherà come conseguenza passerà inosservata perchè

    Telecom Italia non ama la pubblicità negativa (è il maggior inserzionista per la stampa e la televisione).

  69. lavoratori ceit impianti scrive:

    Siamo i lavoratori del gruppo Ceit impianti srl con sede a Roma, anche se da molti anni abbiamo perso l’innocenza di credere in te.
    È tempo di ritornare bambini e scrivere questa lettera affinché tu possa esaudire i nostri desideri.
    La nostra storia, come sai, si trascina ormai da molto tempo ed è arrivata all’epilogo alla fine di novembre di quest’anno quando è stata aperta la richiesta di cassa integrazione speciale per i circa 70 dipendenti della sede di Roma.
    Quest’anno siamo stati molto buoni, abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi che ci erano stati richiesti, anzi li abbiamo anche superati, tanto che abbiamo portato la nostra azienda ad avere un buon margine economico. Nonostante questo la Telecom Italia spa nostro principale committente ha deciso di non rinnovare i contratti di manutenzione e sviluppo della rete telefonica dopo una collaborazione sui territori ormai ventennale, il tutto senza un apparente motivo né tecnico nè economico, proprio nel momento che sono annunciati ingenti investimenti per realizzare finalmente una rete di ultima generazione veloce e affidabile (vedi Banda Larga.)
    Nonostante la nostra grave situazione non abbiamo compiuto gesti clamorosi come: salire sui tetti, bloccare autostrade o ferrovie ma responsabilmente abbiamo sempre scelto la via della concertazione; certo qualche volta abbiamo “disturbato” le Istituzioni, a volte anche insistentemente, per accendere i riflettori sulla nostra vicenda ma le luci si sono sempre più affievolite fino a spegnersi completamente.
    Proprio per questo ci stiamo rivolgendo a Te per intercedere con tutte le istituzioni possibili, azienda, sindacato, Telecom Italia spa Regione Lazio e Ministero dello Sviluppo economico, e tutte le personalità competenti cui possa essere fatta una domanda che ci affligge: perche privarsi della collaborazione della Ceit impianti sui territori di Roma e Lazio e a chi giova questo?
    Caro Babbo Natale non chiediamo la città dei balocchi perché siamo cresciuti per farlo, ma chiediamo di farci il regalo più grande che possa esistere e cioè di continuare a lavorare come abbiamo sempre fatto e regalarci quella serenità che tutti i nostri bambini chiedono ai propri genitori.
    I lavoratori Ceit impianti srl augurano a tutti un Natale di pace e serenità

  70. angela accardo scrive:

    Caro Professore Del Debbio,
    Puntata importante e significativa. Si spera che qualcuno di dovere ne capisca l’importanza. Vedo che a questo punto si permette al Berlusconi (non mi sento di dargli punti titoli, né onorifici né all’inconverso). Saprà no Lei come si dice, “il disprezzo maggiore è l’indifferenza”. Ma siccome le sue legislazioni e quelle di Prodi ci ànno portato a questo, come si permette di lasciarli a piede libero, almeno in politica. Siamo ad un punto in cui la massa ricomincia ad interessarsi alla politica, ossia ai suoi interessi e si lascia cani sciolti ai quali si permette fra l’altro di mordere come vogliono.
    Per me sarebbe utile a questo punto, lasciare finire la legislazione a Monti, anche se à dimostrato che non à capito un tubetto; con le sostanze degli altri si fa presto a tagliare ed a far pagare chi non à la voce grossa da poterlo impedire.
    Uno sfogo, non ci è rimasto altro!!
    un abbraccio amichevole angela- firenze

  71. giovanna scrive:

    Grazie per la tua trasmissione.Caro paolo sono 1 donna di 54 anni collab. scola.Sono a casa con un marito invalido(ambutazione entrambi i piedi)per mia scelta.Ho usufruito della leg. 104/92,adesso sono in congedo leg.08/03/2000 n53 senza stipendio.Viviamo con la pensione più l’accompagno stiamo attendi alle spese,nonostantela casa di proprietà vuole essere ristrutturata ma non ho i soldi.La malattia di mio marito dura da 22 anni.I miei figli sono agenti della polizia penitenziaria in Veneto e in Piemonte.Mi fa rabbia i politici che fanno bella vita con i nostri soldi,Auguro a tutti loro di cuore una vita da maiali e tali trattati.Ascolto volentieri il sig. Andra Barbato mi piace quello che fa e come agisce.Ho sempre votato la destra ,ma adesso mi fa schifo come tutti.Non vado più a votare come per le regionali siciliani perchè non credo più a nulla.Abito in un paese in porv. di ragusa. ciao a lunedi’.Saluti a tutta la redazione e barbato(mi raccomando)

  72. fabrizio scrive:

    paolo ciao e scusami vorrei lavorare il giorno e la notte per poter mangiare qualcosa e stare sereno con la mia famiglia ma lo stato non me lo permette cerco di mantenere la calma ma se arrivo a natale e non avro nulla cerhero di donare gli organi per poter prendere qualche soldo ciao e scusami

  73. rosetta scrive:

    gent dott sono una signora di napoli vorrei lasciare un mio pensieri per il ns governo,certamente tutte le manovre di Monti loro hanno votato la fiducia ,ora per i loro interessi(elezioni con modalità porcellu)hanno messi in moto le dimissioni di monti,non credano che gli italiani nn l’hanno capito,e vogliono farci credere che è x il bene del paese e degli italiani,nn cambierà niente ,come si stanno subito organizzando per le poltrone,noi rimarremo sempre con i nostri problemi irrisolti,e loro con i loro privilegi.grazie x dare voce agli italiani,

  74. Ernesto scrive:

    I giovani non troveranno mai lavoro in Italia,e sà perchè? Molte persone pensionate , lavorano a nero e tolgono il lavoro ai Giovani. Dove sono i Controlli? La Guardia di Finanza prima di andare dal piccolo commerciante ,e multarlo,dovrebbe entrare in quelle socità ditte imprese,che hanno lavoratori a nero.Saluti Ernesto

  75. santo scrive:

    I mancati tagli alla casta sono l’espressione di sopravvivenza della casta stessa perchè da questa dovrebbero essere fatti. Conseguentemente fino a quando la casta (politica e menageriale che sia) attualmente al potere non verrà rimpiazzata da una nuova classe politica e menageriale, non avremo mai i tagli che sarebbero indispensabili per poter utilizzare le economie da essi derivanti per lo sviluppo, la ricerca e l’occupazione.Noi cittadini abbiamo,però in questo contesto, la responsabilità di arrivare, piu’ velocemente al cambiamento sostituendo, attraverso il voto libero e democratico, l’attuale classe politica che non si dimostra all’altezza del compito.

  76. antonio scrive:

    il popolo è sovrano, lo dice la costituzione, ma i nostri rappresentanti lo sanno?, i vari referendum fatti, perchè sono stati cestinati

  77. Giuseppe scrive:

    Buonasera Paolo , mi chiamo Giuseppe sono a scrivere che purtroppo la nostra legge italiana e’ arrivata al limite di tutto, io ho una piccola azienda che lo stato anziché aiutarci a credere nello stato ciao sta costringendo a chiudere le nostre aziende, il perché è semplice : quest anno nonostante che la crisi ci ha portato al esasperazione. Ci fa pagare le tasse anche con il bilancio in perdita, non ci aiutano ad assumere persone in mobilità per poter aiutarlo a ricredere in loro stessi, per quello che riguarda la tredicesima io ai miei due dipendenti gli darò un premio per la voglia e il sacrificio che fanno per stare vicino al azienda, il la politica si deve rivedere cominciando a mandare a casa le vecchie politiche e mettere al potere gli operai che sanno cosa sono i sacrifici quotidiani, e ora di finirà con parole parole e solo parole niente fatti, questa sera avete detto pubblicamente dei vitalizi che prendono e una cosa vergognosa … Nel ringraziarla per la sua trasmissione che io seguo sempre e tante volte vorrei tanto essere li per dare voce … Grazie Giuseppe

  78. cristiano scrive:

    Caro Paolo,vivo vicino a Dalmine,in quel paese cè la famosa DALMINE una delle fonderie più famose al mondo,ha appena detto che ci sono 400 esuberi ,e che tanti di loro andranno in pensione con 6/7 anni di prepensionamento,secondolei è giusto? e poi continuano ad alzare l’età pensionabile perchè non ci sono più soldi per le pensioni,vergogna (SPERO CHE NESSUNO ANDRà A VOTARE )

  79. Marianna scrive:

    Il lavoro in Italia costa troppo alle imprese soprattutto a quelle piccole, a conduzione familiare che schiacciate dalle tasse sono condannate a licenziare per sopravvivere…. Se costasse meno le aziende assumerebbero senza problemi, sparirebbe il lavoro nero, ci sarebbe lavoro per tutti, aumenterebbero i consumi e ci sarebbe meno gente per lo stato da mantenere!!

  80. maddalena scrive:

    mi sono letta un po di commenti e dopo aver sentito la santanche mi piaciuto gohome. meglio votare i dilettanti allo sbaraglio del movimento 5 stelle che questi ladroni patentati che vengono ancora in televisione.
    se il movimento li manda a casa forse per due o tre anni ci incazzeremo meno

  81. monica scrive:

    Cara On.Santanche’ lei sicuramente nn lo sapra’ xke nn le si sara mai posto il problema di cercare lavoro ma la ragazza ke nn ha gioito x il lavoro a tivoli e’ xke sa ke spendera + benzina di quanti saranno i suoi guadagni visto ke sono in percentuale sui contratti stipulati e nn ci sara uno stipendio fisso.mi perdoni se anke io nn gioirei!!!!

  82. marco scrive:

    Mi dispiace dirlo, ma ho visto l’ intervista della famiglia che diceva che non si ricorda il gusto della carne, vorrei solo fare presente che io è già più di 2 anni che non me lo ricordo neanche più. Non voglio essere una vittima ma c’ è gente che è già anni che vivono questo problema!!!!!GRAZIE VI SEGUO SEMPRE!!!

  83. andrea scrive:

    ciao Paolo sono Andrea un pensionato di Bologna e tanto che seguo la trasmissione mi dispiace per quella famiglia che non riescono a mangiare non so come contatare la famiglia e se non si offendono le vorrei offrire una spesa di 200 euro x natale se possibile. (x se aspettano la politica muoiono di fame ) ciao

  84. diego scrive:

    all’0n. ilona staller, perchè non far pagare le tasse alle prostitute?

  85. Iolanda scrive:

    i giovani devono lavorare al posto delle persone più vecchie. io a 55 anni non ho più voglia di imparare e a casa niente colf. lascerei il posto a mia figlia che cosa posso fare al lavoro a 70 anni? solo mutua…

  86. Anonimo scrive:

    e’ SEMPLICEMENTE VERGOGNOSO CHE CHI RAPPRESENTA NON SIA UNA PERSONA SERIA, PREPARATA E MORALMENTE ONESTA.OGGI CHI RAPPRESENTA CHI TRUFFA IL FISCO, IMBROGLIA,RUBA SOLDI ALLA REGIONE, è INDAGATO PER PROSTITUZIONE SU MINORI, SONO DONNA FALICI CHE HANNO VENDUTO IL LORO CORPO, MA INSOMMA L’ETICA, MORALITà DOVE SONO ANDATI A FINIRE. MI VERGOGNO! ROSITA

  87. Sauro1954 scrive:

    Città di Castello 18/12/2012

    Buongiorno Direttore
    Ho seguito ieri sera la Sua trasmissione su Rete 4 di Mediaset. Volevo farLe i complimenti per la vicinanza che ha per i problemi sociali di centinaia di persone italiane che sopravvivono nella crisi economica e sociale di questo Paese.
    Io sono uno tra questi.
    Sono Corsi Sauro e vivo a Città di Castello (PG). Sono geometra, ho una esperienza professionale acquisita in oltre 30 anni di lavoro svolto onestamente svolgendo incarichi ricevuti da Pubbliche Amministrazioni nei campi della progettazione, direzione dei lavori, contabilità e sicurezza di opere pubbliche e da privati nel settore dell’edilizia e della cantieristica stradale, delle sistemazioni ambientali ed urbanistiche.
    Ormai da oltre quattro anni, la crisi che ha colpito l’edilizia, la mancanza di fondi e di progettualità delle Amministrazioni Comunali, sta portando il mio Studio alla chiusura.
    Ho famiglia, moglie e due figli (uno di 26 ed uno di 21) di cui uno lavora come precario a contatto, ed uno, il più grande, è disoccupato. Ho un mutuo da pagare (957 euro al mese) acceso nel 2007 dopo la morte della madre, per acquistare la casa paterna dove ho sempre abitato.
    Ogni giorno mando via curriculum come geometra di cantiere, come progettista, come preventivista, come progettista e responsabile della sicurezza nei cantieri, tutte cose che so fare, però fin’ora nessuna risposta perché ho 58 anni e nessuno ti assume. Ho partita IVA, potrei lavorare come libero professionista, senza creare problematiche derivanti dall’assunzione. In tutto il 2012 ho fatturato 4.934,00 euro e vivere così è dura e difficile.
    Ecco Direttore, Le chiedo, nei sui mille impegni, di tener conto di questa mia missiva, per favorire la mia necessità di lavorare per vivere, vivere in maniera decente perché è molto dura, soprattutto per la dignità, chiedere all’unico figlio che lavora, 10 euro per un caffè ed un pacchetto di sigarette.
    La ringrazio della Sua attenzione
    Con affetto
    Corsi Sauro

  88. vittoria scrive:

    caro paolo, e la seconda volta che scrivo con la speranza di essere contattata,dicono che le famiglie vengono aiutate ma sinceramente da 10 anni ad questa parte non ho visto nessun tipo di aiuto e credimi noi avremmo solo voluto una casa calda per i nostri bambini, ho chiesto aiuto alle chiese ma hanno appartamenti da 800 euro al comune ma si sono accaniti sulla mia famiglia ,all’arte ma devi avere un reddito di 16mila in su, finanziamenti ma solo per famiglie al di sotto dei 35 anni,aiutatemi a capire come posso avere una casa calda per i miei piccoli, perchè finora mi hanno solo aiutato a far morire mio padre,ed ero in cinta della seconda figlia, ma per farmi ascoltare deve proprio succedere una tragedia,per favore aiutatemi almeno voi……siamo una famiglia ormai soli,e il nostro desiderio e solo una casa calda per miei bambini, ma per il nostro comune noi abbiamo un minimo di reddito,ma non capiscono che se lui non portasse quei pochi soldi come faremmo a mantenere i bambini visto che non ci aiuta nessuno….la prego mi aiuti a capire o mi contatti per poterle spiegare meglio

  89. giuseppe scrive:

    buonasera, ieri sera abbiamo visto la sua trasmissione e siamo rimasti ver amente sconvolti nel vedere la cruda e dura relta’ nella quale molte persone sono costrette a vivere. noi possiamo considerarci molto fortunate perche’ un lavoro c’e’ lo abbiamo ancora e proprio per questo motivo, nel nostro piccolo, vorremmo dare un contributo sopratutto a quella persona che con tanta dignita’, davanti ai suoi figli, diceva di non ricordare piu, il gusto della carne. vi preghiamo di inviarci coordinate bancarie al fine di poter aiutare , se pur con una piccolo gesto, lui e la sua famiglia a trascorrere un sereno e felice natale

  90. mirella scrive:

    sono una mamma separata ho una figlia e una madre anziana da mantenere.lavoro stagionale come cameriera 12-13-ore al giorno e in busta paga trovo 6-8 ore . accetto se no sono fuori .non e giusto e nessuno fa niente per i lavoratori .

  91. mirella scrive:

    Salve Dott.Del Debbio, prima di tutto le faccio i complimenti per la sua trasmissione e lei e’una persona in gamba.ho 50 anni separata un figlio disoccupato ventenne.lavoro e non mi lamento per carita’ ma ho il mutuo della casa di 1000 euro e prendo di stipendio 1200 il mio ex ha piccola impresa e sono due mesi chi non lo pagano(abita al nord vicino Milano) ho dei piccoli prestiti che adesso non posso piu’ pagare e quelli della banca hanno detto che non gliene importa niente posso anche morire, ho provato a bloccare le rate per motivi economici e di salute (io sono mesi che soffro con le gambe per sospetta lesione nervo sciatico, “sospetta” perche’ non ho soldi per farmi curare (i suddetti prestiti li ho chiesti per motivi interventi chirurgici permio figlio e non per andare alle Maldive documentabilissimi)ho provato a chiedere un fido in banca “eh non puo signora” ma in che paese stiamo? alle banche gli hanno dato troppo potere grazie al governo che sappiamo tutti comunque resta il fatto che sono disperata e che sto fascendo solo tantissimi sacrifici perche a volte rimango con a malapena due euro in tasca (purtroppo non esagero) spero che succeda qualcosa ,che si cambi,ma con questi al governo ho forti dubbi………………………

Lascia un commento