A Segreti e Delitti il pubblico interagisce         via servizio socialtv by Social Mediaset

stanescuIl venerdì sera di #Canale5 è all’insegna del giornalismo investigativo con la nuova trasmissione Segreti e Delitti condotta da Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero.
Sul tavolo i casi di cronaca ancora irrisolti che appassionano molto l’opinione pubblica.
E proprio il pubblico da casa,  grazie all’interazione con il servizio socialtv e al live-twitting di @social_mediaset  su Twitter,  è stato uno dei protagonisti della prima puntata (andata in onda venerdì 6 giugno).

 

Tanti i commenti arrivati durante la puntata all’indirizzo segretiedelitti.mediaset.it e letti in diretta da Cristina Stanescu. E migliaia i tweet inviati con #segretiedelitti, hashtag che da subito è entrato nei Trending Topic e ci è rimasto per l’intera serata.

INTERAZIONE CON SOCIALTV

Di seguito vi proponiamo un video con alcuni dei momenti “social” della trasmissione:

 

INTERAZIONE CON TWITTER

Ed ecco alcuni tweet del live di @social_mediaset con tante foto del backstage, ospiti, studio e i momenti salienti della trasmissione.

segreti-e-delitti

segreti-e-delitti_copertinaSe volete continuare a scrivere e a dire la vostra sui casi affrontati in trasmissione l’indirizzo è:  segretiedelitti.mediaset.it

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter

12 Commenti a “A Segreti e Delitti il pubblico interagisce         via servizio socialtv by Social Mediaset”

  1. maria scrive:

    Scazzi. Ricostruzioni fuori di ogni logica. Sarebbe stato piu`semplice e discreto portare via il corpo di Sarah dal cortile della casa INTERNO che dal portone del garage che esce direttamenbte sulla strada.Ma per favore…esperti di cosa? di fantascienza!!!

  2. maria scrive:

    Ceste: Anche qui`un po`di logica che manca. Se una mamma sparisce perche`”colpevole” di essere stata una cattiva mamma o moglie, non va`in giro cosi`com`e`, dove puo`essere facilmente riconosciuta, si “trasforma” per passare inosservata.

  3. maria scrive:

    E`stato chiesto a Michele se quando lui e`tornato a casa dalla scuola la moglie aveve sparecchiato o iniziato i lavori in casa? Inoltre, quale moglie confessa al marito il tradimento di punto in bianco?nessuna.

  4. maria scrive:

    Logli ha portato Sara in casa per tenere la situazione sottocontrollo, ha paura che ci possa essere un cedimento se la donna si sente trascurata ce`pericolo che parla.

  5. maria scrive:

    La piccola Yara.Io ho sempre pensato che Yara sia salita su l`auto di sua volonta`, forse insieme al ragazzo c`era un`amica invidiosa dei suoi successi e voleva punirla. Si era detto che Yara ha insistoto quella sera per uscire. Voleva incontrarsi con qualcuno? E se si, non poteva avere 50 anni, piu`probabile 30!!! Indagini iniziati male, continuate peggio.

  6. Celso Vassalini scrive:

    In riferimento al caso Yara “Brembate”, non ho sentito se tramite la traccia del d.n.a., non si sia indirizzati nell’archivio del servizio di leva..dove vengono fatti dei test e prese le impronte digitali di buona parte dei ragazzi, quando la leva era obbligatoria o i respinti..quindi..!!!

  7. Celso Vassalini scrive:

    Complimenti per la trasmissione…grazie..per i molti casi sollecitati dalle Vostre indagini e ricerca…grazie

  8. marialuisa scrive:

    x Elena Ceste:si parla poco della vicina:e se avesse fornito un falso alibi a Michele?e se si fosse confusa sul giorno?e se fossero d’accordo?

  9. Anna scrive:

    In merito al presunto assassino di Yara, ma il padre deceduto nel ’99 potrebbe aver avuto altre storie con altre donne dalle quali potrebbero essere nati fratellastri del presunto assassino Massimo Giuseppe Bossetti?
    Grazie Anna

  10. Silvia Mattioli scrive:

    Ma ignoto uno non aveva gli occhi castani?e’ sempre stato detto dagli inquirenti e da voi! Allora….

  11. GIUSEPPE scrive:

    IO FAREI DELLE VERIFICHE SULL’ALLANTONAMENTO DEL BOSSETTI DAL LAVORO, SE QUESTI COINCIDONO CON L’USCITA DA SCUOLA (ORARI)

  12. francy scrive:

    misseri basta con questo copione
    falso fin dal primo giorno
    per fortuna la legge non ti crede

Lascia un commento