Oltre 12mila tweet per la 14° puntata de #LeIene

iene15_14_300 Dal servizio di Giulio Golia sulle truffe nei campi Rom, al servizio di Nadia Toffa sulla #DottoressaMiracolosa, al servizio di Cizco sul mondo dei numeri di telefono che si trovano in Autogrill, tanti i servizi presentati giovedì 7 maggio da Ilary Blasi e teo Mammucari a #LeIene e che hanno fatto parlare sui social.
Su Twitter i commenti hanno superato quota 12.000.
L’hashtag #LeIene è entrato nelle tendenze Italia arrivando sino alla prima posizione.

 

 

 

PICCHI DI TWEET

picchi14_4

 

I NUMERI SOCIAL

Ecco nel dettaglio il numero di tweet, di utenti unici, le impression e il minuto di picco:

numerisocial15_14

 

 

PICCHI DI TWEET

L’hashtag più utilizzato è stato quello ufficiale del #LeIene, a seguire #DottoressaMiracolosa, del servizio di Nadia Toffa

#15_14

 

La social cloud con gli hashtag e le keyword più utilizzate:

LeIene15_14_cloud

 

 

MAPPA DEI TWEET

Nella mappa dei tweet le zone dalle quali sono stati inviati più messaggi.
Le zone in rosso sono quelle più attive:

 

leienep14_geoloc

 

 

TWEET PIU’ RETWITTATI

UTENTI PIU’ ATTIVI

Ecco gli utenti che hanno inviato in numero maggiore di Tweet:

attivi15_14

 

UTENTI PIU’ POPOLARI

Ecco quali sono gli utenti più citati all’interno delle conversazioni:

popolari15_14

UTENTI CHE HANNO GENERATO PIU’ IMPRESSION

Ecco quali sono gli utenti che hanno generato più impression:

impression15_14

 

Ricordiamo che le impression sono calcolate moltiplicando il numero di tweet effettuati da un singolo utente per il numero dei suoi follower. Il dato rappresenta le cosiddette “opportunities to see”, ovvero quante volte una notizia è stata potenzialmente visualizzata.

 

NB: L’analisi è stata effettuata raccogliendo le conversazioni contenenti hashtag ufficiali, non ufficiali e parole chiave correlate, generate in un periodo di tempo variabile tra tre ore prima della messa in onda e le tre ore successive alla trasmissione.

 

Dati: elaborazioni @social_mediaset su dati The Fool

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter

Lascia un commento